Modello 231 – cooperativa sociale Il Ponte

Il modello di organizzazione e gestione (o “modello ex d.lgs. n. 231/2001), ai sensi della legge italiana, indica un modello organizzativo adottato da persona giuridica, o associazione priva di personalità giuridica, volto a prevenire la responsabilità penale degli enti.

Tale normativa, avente ad oggetto la “Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica”, in vigore dal 4 luglio 2001, ha introdotto nell’ordinamento italiano, in conformità a quanto previsto anche a livello europeo, un nuovo regime di responsabilità denominata “da reato”, derivante dalla commissione o tentata commissione di determinate fattispecie di reato nell’interesse o a vantaggio degli enti stessi.

Il Decreto Legislativo n. 231/2001 definisce il contenuto dei modelli di organizzazione e di gestione prevedendo che gli stessi devono rispondere alle seguenti esigenze:

individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi i reati;
predisporre specifici protocolli diretti a programmare la formazione e l’attuazione delle decisioni della società in relazione ai reati da prevenire;
individuare modalità di gestione delle risorse finanziarie idonee ad impedire la commissione di tali reati;
prevedere obblighi di informazione nei confronti dell’organismo deputato a vigilare sul funzionamento e sull’osservanza del modello organizzativo;
introdurre un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello organizzativo.

Il modello 231 della cooperativa sociale Il Ponte è disponibile qui.

L’organismo di vigilanza è stato nominato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2019 nella persona dell’avvocato Francesco a Beccara.

Per contatti e segnalazioni è attiva la seguente mail odv@ilponterovereto.it.